A+ R A-

Tiflis 2017: il 26 e il 27 aprile esercitazione della Protezione civile

Si è tenuta questa mattina, nel salone degli Specchi della Prefettura di Bari, la conferenza stampa di presentazione dell'esercitazione di Protezione Civile Tiflis 2017 dal titolo "Formiamo insieme una cultura dell'emergenza", in programma nelle giornate del 26 e 27 aprile.

Con l'obiettivo di realizzare un sistema coeso di attori istituzionali che possano produrre in maniera sistemica comuni percorsi di collaborazione in situazioni di emergenza, l'esercitazione è stata organizzata dalla Prefettura di Bari in collaborazione con l'Aeronautica militare nell'ambito delle iniziative di cooperazione civile militare per la Protezione Civile.

Sono previste simulazioni, prove di evacuazione e altre attività dimostrative per la popolazione, anche con l'impiego di mezzi aerei, oltre al coinvolgimento di studenti di tre scuole superiori: l'istituto tecnico aereonautico Euclide e i licei Socrate e Salvemini di Bari.

Il programma e le finalità delle due giornate di esercitazione sono stati illustrati dal vice prefetto vicario Francesco Cappetta, dal vice prefetto Cinzia Carrieri, dal comandante della scuola aeronautica militare della 3^ Regione aerea generale Fernando Giancotti, dal responsabile dell'area comunicazione e relazioni del Comando scuole della 3^ Regione aerea Tenente colonnello Domenico Spalluto, dal componente della commissione nazionale Grandi Rischi Gianfranco Dellino, dalla rappresentante dell'Ufficio scolastico regionale e provinciale Patrizia Palmisano.

In rappresentanza del Comune di Bari ha partecipato il consigliere Francesco Giannuzzi che ha confermato l'apprezzamento per l'iniziativa soprattutto per il coinvolgimento dei giovani in questo percorso di formazione, ponendo l'attenzione sulla necessità di fare sistema per creare una vera e propria cultura dell'emergenza.

L'esercitazione Tiflis 2017 si propone, anche con l'impiego ottimale delle tecnologie più aggiornate, di contribuire a: migliorare la gestione dei tempi (reazione, risposta, intervento...); migliorare la gestione delle comunicazioni; ricavare aggiornamenti, modifiche, innovazioni da proporre nei piani di protezione civile di rispettiva competenza; sperimentare ogni possibile forma di interoperabilità fra le sale operative e di delocalizzazione delle relative funzioni.

L'iniziativa servirà a condividere la conoscenza di risorse e procedure delle Forze Armate fra gli attori del sistema di Protezione Civile, anche allo scopo di promuoverne l'impiego più appropriato e razionale nella gestione delle emergenze ed assume sempre più valore e importanza alla luce di quanto le cronache nazionali quotidianamente riportano alla nostra attenzione dimostrando che non è mai troppo elevata l’attenzione o l’investimento in materia di sicurezza e che quindi sono sempre più utili e fondamentali iniziative come queste per accrescere il livello di competenza e preparazione degli addetti ai lavori e di tutti coloro i quali potrebbero trovarsi coinvolti in eventuali situazioni di rischio.

21 Aprile 2017

Nicola Buono

© RIPRODUZIONE RISERVATA





Venerdì 21 Aprile 2017 18:22